Milano diventerà la seconda patria del maestro. Il ministro Bray consegna altri fondi alla città

Ultimi articoli
Newsletter

Milano | 190 mila euro destinati a 6 progetti che interesseranno tutta la città

Milano diventerà la seconda patria del maestro
Il ministro Bray consegna altri fondi alla città

È stato firmato dal Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del turismo Massimo Bray un nuovo decreto che assegna ulteriori fondi per eventi che si terranno proprio a Milano in occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi

di Alberto Lattuada

Giuseppe Verdi
Giuseppe Verdi

MILANO |Dopo il finanziamento di 310 mila euro per il restauro della nuova Galleria d'Arte Moderna per realizzare nelle sue sale la mostra «Giuseppe Verdi e le arti»,il Ministro dei Beni Culturali Massimo Bray ha firmato il nuovo decreto che consegna ulteriori fondi alla città di Milano al fine di realizzare le iniziative per il bicentenario della nascita di Giusepper Verdi.

PROGETTI |Un finanziamento pari a 190mila euro che interesserà tutta la città di Milano grazie a 6 progetti tra cui 30 mila euro per una serie di eventi diffusi sul territorio in occasione della messa in scena de La Traviata al Teatro alla Scala (7 dicembre 2013) denominati «Prima della Prima»;30mila euro per «Veni vidi Verdi»,la mostra curata da Peter Bottazzi,che da ottobre 2013 si terrà a Palazzo Morando,richiesto dal Comune di Milano, e 50mila euro per il restauro della sala dei cimeli verdiani presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano,del materiale documentario e per la digitalizzazione dei documenti,richiesto dalla Provincia di Milano e dal Conservatorio Giuseppe Verdi.

L'ASSESSORE |«Tutta la città di Milano festeggerà in maniera adeguata il bicentenario di Giuseppe Verdi attraverso una serie di iniziative che ne disegneranno un ritratto a tutto tondo»,ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Sabato 10 agosto 2013

© Riproduzione riservata

1090 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: