Zanzare, più bat box e disinfestazione iniziata

Ultimi articoli
Newsletter

Milano | il comune si prepara a installare cento nuovi rifugi realizzati dai detenuti

Zanzare, più bat box e disinfestazione iniziata

Maran (Ambiente): «Scelta una lotta bio-integrata». Ora il veleno

Redazione Online

L'aspetto di una bat box a Milano
L'aspetto di una bat box a Milano

MILANO | Aumenta da 400 a 500 il numero delle bat box installate nei parchi cittadini. Si tratta di tane artificiali sugli alberi che dovrebbero attrarre i pipistrelli, animale che il Comune ha scelto come alleato nella lotta alle zanzare. I cento nuovi box sono stati donati dalla Coop e sono stati fabbricati dai detenuti del carcere di Monza.

SEGNALI INCORAGGIANTI | A quasi un anno dalla posa dei primi rifugi, si sono registrate visite di pipistrelli nel 4% dei casi, per la precisione. Le prime tracce di presenza degli animali sono state rilevate principalmente nei parchi Sempione, Montanelli, Giussani, Cave, Berna, Teramo e Cascina Bianca. Ogni box è dotato di un sistema gps per non scordarsi dove è stato collocato. «Abbiamo scelto una lotta bio-integrata alle zanzare – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Pierfrancesco Maran –, che rispetti l’ambiente e che sia al contempo efficace per garantire un buon risultato ai cittadini». La donazione dei nuovi rifugi è avvenuta nel corso della presentazione della campagna «Un pipistrello per amico», che si è tenuta lunedì a Palazzo Marino e consiste in una collaborazione tra Comune di Milano, Coop, scuola del fumetto di Milano e Università di Firenze.

VIA ALLA DISINFESTAZIONE | In pieno svolgimento sono anche le canoniche operazioni di avvelenamento delle larve di zanzara che popolano le pozze di acqua stagnante. Sono previsti sette cicli di intervento su 135mila tombini, compresi quelli di scuole, cimiteri e uffici pubblici. In ogni pozza viene introdotta una compressa a effervescenza a lento rilascio di diflubenzuron, un larvicida a basso impatto ambientale e non tossico per altri esseri viventi. Per le risaie allagate, tra giugno e agosto, gli elicotteri irroreranno invece il Bacillus thurigiensis israelensis, altro larvicida a impatto minimo. Quest’ultimo prodotto è anche acquistabile da chiunque nelle farmacie comunali: l’uso consigliato è una volta a settimana tra aprile e ottobre. Intervenire contro le larve sembrerebbe l’unico modo per colpire seriamente la popolazione delle zanzare. Una zanzara diventa adulta in otto-nove giorni.

Mercoledì 24 aprile 2013

© Riproduzione riservata

1088 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: